Pizza & Curiosità Pizza & Nutrizione

Pizza al Germe di Grano, significato

Pasquale Bisogno
Scritto da Pasquale Bisogno

VI PARLERÒ DEL GERME DI GRANO

 

Questa mattina ho aperto l’enciclopedia più vecchia che avevo. La data di fine stampa è Febbraio 1972 e sono andato a ricercare una parola ritornata in uso nei giorni nostri grazie a questo bizzarro mondo della pizza.

GERME: “Quella parte di un organismo vivente che ha la facoltà di riprodurre un essere simile a quello da cui il primo è stato originato. In medicina si usa comunemente la parola Germe nel senso di bacterio-microbo” .

 

Partiamo da qui per capire fino in fondo la vera anima della farina.

Possiamo suddividere il chicco di grano in tre parti:

  1. quella esterna come una serie di strati che avvolgono il seme e costituiscono la parte detta crusca;
  2. la parte interna detta endosperma;
  3. il germe che rappresenta l’embrione della nuova pianta.

La crusca è costituita principalmente da fibre vegetali, proteine, sali minerali e vitamine. La parte interna è  prevalentemente costituito da amido, pochi sali minerali e poche vitamine.

Il germe del chicco di grano è ricco di vitamine, sali minerali, proteine ed è l’unica parte della cariosside che contiene lipidi.
Purtroppo nella macinazione industriale la crusca e il germe del grano che sono le parti più nutrienti, vengono scartate perché danno alla farine un colore più scuro e abbassano la durata di conservazione degli alimenti in questione.

In realtà con l’innovazione che corre più veloce dell’uomo si è provocato l’inarrestabile allontanamento dalle proprie origini. E qualcuno come Cesare Pavese, già negli anni Quaranta, sottolineava l’importanza del riconoscere sé stessi attraverso l’appartenenza al luogo delle origini, a cui fatalmente si ritorna. O meglio, attraverso il legame fra terra e cibo.

La simbiosi con la terra, la propria terra, avviene anche attraverso l’occasione quotidiana dell’assimilazione del cibo” [La luna, il cibo e i falò, Edizioni Il leone verde] .

L’industrializzazione dell’agricoltura e l’allevamento intensivo hanno modificato le abitudini sociali ed alimentari con il conseguente avvento dei cibi sempre più raffinati e processati industrialmente.

Questo vale anche per la farina che rappresenta la componente più importante della dieta mediterranea quale ingrediente del pane, della pasta, della pizza e dei dolci.

Una sessantina di anni fa, dal dopoguerra in poi, anche le nostre Nonne si son lasciate trasportare dal mercato che gli imponeva minore lavoro e maggiore resa.

L’uomo comincia così a nutrirsi della farina bianca che presenta migliore lavorabilità, accorcia i tempi di lavorazione, migliora la conservabilità e soprattutto sazia di meno per cui fa aumentare i consumi.

Sì è vero, la panificazione ha ottenuto delle migliorie, ma l’umanità sta perdendo ciò di cui si è sempre cibato, del vero pane. A discapito della salute!

Oggi i danni sono sotto gli occhi di tutti: obesità, diabete, celiachia; malattie indotte da una globalizzazione che per il profitto ha creato altro profitto, quello delle case farmaceutiche!

E questo grazie a cosa? All’assunzione sempre maggiore di glutine e, al contrario, minori quantitativi di sostanze nutrienti.

Come fare per rimediare a tutto questo sistema di cose? Attraverso l’informazione.

 Qui di seguito, ad esempio, potrete leggere le proprietà benefiche del germe di grano  ed i suoi valori nutrizionali.

 

Proprietà e benefici del germe di grano

  • Contro l’acne. Il germe di grano regola la produzione di sebo, se viene ingerito, ma può essere usato anche applicato localmente.
  • Contro il colesterolo. Il germe di grano è ricco di Omega 3, utile per regolare il livello di colesterolo nel sangue e per la salute di vene e arterie.
  • Per la salute dei capelli. Il germe di grano risulta utile per capelli grassi, forfora, capelli spenti e sfibrati, cute secca.
  • Per la salute della pelle. L’olio di germe di grano è utile contro rughe, smagliature, cicatrici e irritazioni e arrossamenti della pelle.
  • Per la fertilità maschile. Grazie al contenuto di vitamina E il germe di grano è utile per migliorare la fertilità maschile.
  • Per gli atleti. Il germe di grano migliora la resistenza fisica e anche quella mentale.
  • Contro i radicali liberi. Il contenuto vitaminico del germe di grano, in particolare della vitamina E, gli conferisce un’importante azione antiossidante.

Calorie e valori nutrizionali del germe di grano

100 g di germe di grano contendono 408 kcal / 1708 kj.

Inoltre, per ogni 100 g di questo prodotto, abbiamo:

  • Acqua 10 g
  • Carboidrati disponibili 55 g
  • Proteine 28 g
  • Grassi 10 g
  • Colesterolo 0
  • Sodio 3 mg
  • Potassio 827 mg
  • Ferro 10 mg
  • Calcio 72 mg
  • Fosforo 1100 mg
  • Magnesio 255 mg
  • Zinco 1,22 mg
  • Rame 0,95 mg
  • Selenio 3,980 µg
  • Vitamina B1 2,44 mg
  • Vitamina B2 0,61 mg
  • Vitamina B3 6,2 mg
  • Vitamina A 10 µg
  • Vitamina C 0 mg
  • Vitamina E 16 mg

Info sull'autore

Pasquale Bisogno

Pasquale Bisogno

La luce si sogna al buio.

Lascia un commento