Pizza & Glicemia

Colesterolo e diabete. Ce ne parla la dott.ssa Oliva Domenica

Maddalena Bisogno
Medico Specialista in Endocrinologia Diabetologa Direttore Centro Polispecialistico Conti

DOTT.SSA DOMENICA OLIVA  Medico Specialista in Endocrinologia Diabetologa Direttore Centro Polispecialistico Conti

INTERVISTA ALLA DOTT.SSA DOMENICA OLIVA 

Medico Specialista in Endocrinologia 

 Diabetologa Direttore Centro Polispecialistico Conti

 

 

 

Il diabete è una malattia caratterizzata da aumento del glucosio nel sangue e da sintomi quali poliuria (aumento della minzione) e polidipsia (aumento della sete). È determinata da una deficiente produzione di insulina da parte del pancreas e/o dal suo non corretto utilizzo. Se non curata, può dar luogo a gravi complicanze a carico del sistema cardiovascolare, dei reni, degli occhi e del sistema nervoso.

ateroma-ostruzione

L’eccesso di lipidi (grassi) nel sangue, invece, si chiama dislipidemia. I lipidi che andiamo a dosare con le analisi sono il colesterolo ed i trigliceridi. Anche essi sono utili al buon funzionamento dell’organismo, ma se superano determinati valori possono diventare nocivi, perché si accumulano nelle arterie (formando le così dette “placche”) e possono determinarne anche l’ ostruzione (chiusura), con minore afflusso di sangue agli organi.

“Dottoressa, perché sono sempre più in crescita i tassi di diabete e di ipercolesterolemia?” – Il nostro stile di vita è molto cambiato, ci muoviamo sempre di meno e siamo sempre più tentati dalla cucina “pronta”, spesso troppo ricca in grassi e conservanti. Non dobbiamo invece dimenticare che proprio da noi è nata la dieta mediterranea, considerata la migliore tra tutte le diete e dichiarata Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO. Seguire la dieta mediterranea significa privilegiare alimenti integrali, frutta e verdura di stagione e legumi, usando con moderazione carne rossa, grassi animali e zuccheri semplici.

Ci sono dei cibi da dover evitare assolutamente?” – Una dieta per essere sana e salutare deve contenere tutti i macronutrienti (carboidrati, proteine e lipidi) ed i micronutrienti (minerali e vitamine), perciò nessun cibo è vietato in assoluto. Certamente, chi ha problemi di diabete o di dislipidemia, deve porre maggiore attenzione a quello che mette nel piatto. Coloriamo la nostra tavola con verdure e frutta di stagione (pensiamo ai colori caldi dell’estate, con il rosso di pomodori e peperoni, e l’arancio delle albicocche, al verde della primavera con le insalate), usiamo pasta e pane integrali, mangiamo pesce azzurro, ricco in grassi utili all’organismo (omega-3), consumiamo carne con moderazione, olio di oliva extravergine e condiamo il tutto con un (ma solo uno) bicchiere di vino rosso, fonte di antiossidanti e perché no, ogni tanto mangiamo anche la pizza.

DSC_0007

“Se chi ha il diabete può mangiare anche la pizza, a cosa deve stare più attento?” 

Determinante è l’impasto. Una buona pizza non deve contenere lieviti chimici perché essi  “addensano”  l’impasto e ne innalzano l’indice glicemico, rendendolo più calorico.

Bisognerebbe miscelare le farine, usandone una parte integrale, perché le fibre, legando zuccheri e grassi, ne favoriscono un più lento assorbimento.
Sarebbe inopportuno, invece, adoperare solo farine integrali, perché le fibre impedirebbero una corretta lievitazione dell’impasto.
La pizza dovrebbe essere cotta in pochi minuti, condita con olio di oliva extravergine, evitando di aggiungere alimenti estremamente calorici quali panna, patatine, würstel e salsiccia.

Accompagnata con verdure di stagione (cotte al vapore, lessate o arrostite) può essere sicuramente un’alternativa per un pasto completo.

“La pizza del diabetico?”

Non esiste.  I diabetici, come tutti, devono seguire un’alimentazione varia e ricca, evitando gli eccessi in grassi e zuccheri e preferendo abbondanti porzioni (almeno cinque al giorno) di verdura e frutta, sempre seguendo la stagionalità, con indubbi vantaggi per la salute e perché no, anche economici. La pizza non deve essere dunque demonizzata, a patto che venga consumata con moderazione.

 

Info sull'autore

Maddalena Bisogno

Maddalena Bisogno

Lascia un commento